Docenti

 Ivo Brigadoi

Violoncello, vivere la musica, musica giocando, formazione e cultura musicale, laboratorio strumenti a corda


Image

Image

Inizia precocemente lo studio della musica spinto dal padre Fiorenzo. Avviato allo studio del violoncello da Giuseppe Momo e Gisella Schizzi, si diploma nel 2000 sotto la guida di Lorenzo Corbolini e conosce in seguito alcuni tra i più importanti violoncellisti italiani ottenendo i Diplomi delle prestigiose Accademie di Imola e del Trio di Trieste e vincendo prestigiosi premi nazionali ed internazionali.


 Ha suonato in Italia, Germania, Ungheria, Croazia e Stati Uniti arrivando ad esibirsi in importanti
compagini orchestrali e collaborando con solisti del calibro di Enrico Onofri, Vittorio Ghielmi, Gemma Bertagnolli, Jacques Zoon e Roger Bobo.
Affianca all’attività professionistica la direzione di gruppi musicali amatoriali e dirige la Banda Civica “Ettore Bernardi” e la Corale “In dulci Jubilo” di Predazzo ed il Coro “Rio Bianco” di Panchià, oltre a collaborare con diversi gruppi di musica folkloristica e leggera.
Dal 2000 svolge un’intensa attività didattica tenendo lezioni-concerto ed effettuando progetti di pedagogia musicale in diverse Scuole Primarie e Scuole Secondarie di primo grado del Trentino. È stato docente della Scuola musicale “Celestino Eccher” (Val di Non e Sole) e della Scuola delle Giudicarie ed attualmente è docente di violoncello, strumenti ad ottone, musica giocando, avviamento alla musica, formazione musicale, cultura musicale e laboratorio strumentale della Scuola “Il Pentagramma” di Fiemme e Fassa per la quale ha anche ideato e segue il corso “Vivere la Musica” per bambini e ragazzi con Bisogni Educativi Speciali. Ha seguito corsi sulla didattica musicale con Nicola Conci, Eleonora Dalbosco e Maurizio Spaccazzocchi e si aggiorna annualmente tramite i corsi organizzati dalla Scuola musicale “Il Pentagramma”. Dal 2013 segue il corso di Musicoterapia presso il Ce.S.For. di Bolzano sotto la guida di Roberto Ghiozzi, ideatore, studioso e
sperimentatore dell’approccio della M.U.T. (Musicoterapia Umanistico Trasformativa) ed ha svolto diversi tirocini con bambini e ragazzi affetti da disabilità, con gruppi scolastici in situazioni problematiche e nei reparti Infettivi e Cure Palliative dell’Ospedale “San Maurizio” di Bolzano.